13 utensili per la Vita pratica – Creare un ambiente preparato Montessori per bambini dai 2 ai 6 anni

 

 

Di frequente mi vengono richiesti consigli per creare un ambiente che consenta ai più piccoli di agire e fare da sé, potendo così essere più autonomi nella soddisfazione delle proprie necessità materiali.

Nella vita quotidiana svogliamo moltissime attività che i bambini desiderano compiere: possiamo permettergli di farlo offrendo loro utensili adeguati, a misura di bambino e proporzionati, che consentano loro di svolgere realmente quelle attività (non lavando o spolverando per finta).

Attraverso l’esecuzione di questi compiti il bambino non solo consegue gli specifici scopi esterni (versarsi l’acqua da solo, pulire il tavolo, spazzare il pavimento, apparecchiare la tavola…) ma diviene sempre più in grado di controllare in modo raffinato i movimenti del suo corpo e delle mani, accresce la capacità di concentrazione e nutre la propria intelligenza.

Ho deciso quindi di selezionare alcuni utili utensili di qualità che potreste utilizzare per allestire un ambiente preparato in casa vostra:

 

Scopa e paletta in legno

 

Questa particolare scopetta ha catturato la mia intenzione perché si tratta di un utensile molto pratico per permettere al bambino di ripulire superfici come il piano di lavoro al termine di una attività (ad esempio per raccogliere quanto caduto durante lo svolgimento di un travaso solido).

Può essere anche proposta su di un vassoio per iniziare il bambino all’attività riparativa del pulire con la scopa.

 

 

Spazzolina per pulire mobili

 

Questa spazzolina presenta una impugnatura perfetta per il bambino e può essere utilizzata per svolgere attività come pulire il tavolo, la sedia o il panchetto. Mostrategli come insaponare la superficie di lavoro compiendo con la spazzolina dei movimenti circolari e lenti, quindi risciacquate con una pezza bagnata o una spugnetta.

 

The Montessori Journal

 

Questa attività lo affascinerà non solo per l’utilizzo dell’acqua e della schiuma ma anche per la complessità dei movimenti da compiere!

 

 

Spazzola per pulire frutta e verdura

 

Anche questa attività, come tutte quelle che hanno a che fare con l’acqua, attrae moltissimo i bambini!

Essa inoltre consente di renderli partecipi della preparazione del pasto, il che li renderà anche molto più ben disposti nei confronti dello stesso!

 

How We Montessori

 

Munite il bambino di grembiule impermeabile e mostrategli i movimenti da compiere per pulire grazie alla spazzolina la frutta e la verdura!

 

 

Set scopa e scopino

 

Spazzare rientra nelle cosiddette “attività riparative”, che permettono cioè di apprendere anche “riparando ad eventuali errori”. L’attività infatti permette al bambino ad esempio di ripulire dopo aver svolto dei travasi, riportando così l’ambiente alla sua bellezza originale.

In realtà però essa può essere svolta anche di per sé, per il solo piacere di spazzare. Molti bambini infatti trovano piacere in questa attività per via della sua complessità: per quanto banale infatti richiede lo svolgimento di diversi passaggi (raccogliere lo sporco in un punto con la scopa, passarlo sulla paletta, recarsi al secchio, svuotare la paletta e rimettere in ordine il tutto).

 

 

Stendino

 

Il bambino ama fare le attività che vede compiere agli adulti e tra queste rientra lo stendere i panni.

 

howwemontessori.com

 

Mettetegli a disposizione uno stendino a misura di bambino e delle mollette adatte, quindi offritegli dei panni di piccole dimensioni (tovaglioli, calzini, biancheria..). Compiere con voi questo tipo di attività lo farà sentire importante e lo aiuterà ad affinare le proprie capacità motorie.

 

 

 

Dispenser per acqua

 

Pinterest

 

Potersi servire da solo, ad esempio bevendo quando ha sete, dona al bambino sicurezza in sé e un senso di indipendenza.

Mettergli a disposizione un dispenser per l’acqua ed un bicchiere gli permette di soddisfare le proprie necessità materiali da sé, accrescendo la sua autostima e il senso di autoefficacia.

 

 

Utensili da cucina

 

Le attività in cucina sono funzionali sotto molteplici aspetti, in quanto favoriscono la messa in atto di esperienze sensoriali, lo sviluppo della coordinazione motoria, del linguaggio e del pensiero matematico.

 

YouTube

 

Possiamo rendere i bambini partecipi delle attività in cucina offrendo loro adeguati utensili. Sì, anche coltelli.

Naturalmente l’utilizzo di quest’ultimi deve essere sempre vigilato, ma partendo con gradualità (ad esempio da una semplice giardiniera per verdure) e mostrando con attenzione e sicurezza le modalità di utilizzo, rimarrete stupiti dalla cura con cui il bambino se ne servirà!

 

 

 

Learning tower

 

La learning tower è uno strumento immancabile in una casa a misura di bambino. Grazie ad essa infatti il bambino può accedere in sicurezza a piani altrimenti al di fuori della sua portata ed essere pienamente partecipe delle attività familiari. Potrà lavarsi i denti e il viso nel lavabo dei grandi, cucinare con voi sul piano cucina, svolgere attività al tavolo con mamma e papà.

 

EloBaby

 

In commercio poi esistono interessanti versioni pieghevoli, che si trasformano in tavolini a misura di bambino!

 

 

Utensili per la cura delle piante e del giardino

 

Il sentimento per la natura è qualcosa che deve essere coltivato fin dall’infanzia. Prendersi cura delle piante aiuta il bambino, in una visione di educazione cosmica, a sentirsi responsabile del tutto di cui anche lui è parte integrante, imparando così a rispettare tutti gli esseri viventi.

Offriamogli quindi utensili adatti ed attività che gli consentano di piantare, innaffiare, rastrellare… Non solo svilupperà la coordinazione motoria ma apprenderà moltissimo sulle piante e il loro ciclo di vita!

 

 

Grembiulini in stoffa ed impermeabili

 

I grembiuli non solo aiutano il bambino a non sporcarsi/bagnarsi durante lo svolgimento delle attività di vita pratica, ma lo aiutano a “calarsi” nell’attività.

 

How We Montessori

 

Indossarlo prima di svolgere un certo lavoro aiuta il bambino a fare mente locale circa le azioni da compiere e la sequenza con cui farlo. In questo modo inoltre si demarca con esattezza il momento di inizio e di fine della determinata attività.

 

 

Ganci

 

Uno strumento semplice quanto fondamentale: grazie ad essi possiamo far sì che il bambino acceda autonomamente tanto ad utensili utili allo svolgimento di attività (scopino, strofinacci, spugne, tovaglie..) tanto ai propri indumenti personali (ad esempio appendendo la giacca da sé ogni volta che entra in casa).

Questi si applicano senza viti, quindi possono essere facilmente tolti e ricollocati in funzione delle necessità:

 

 

Spruzzino e pulitore per vetri

 

Lavare i vetri è un’attività che diverte moltissimo i bambini, che si impegnano nello spruzzare l’acqua sulla superficie per poi asciugarla con l’apposito utensile. Ricordate sempre di mostrare prima con lentezza e precisione lo svolgimento dell’attività, scandendone bene le fasi.

 

montessorilifeasweknowit.wordpress.com

 

Forse il risultato non saranno vetri perfettamente puliti, ma il vostro bambino rimarrà concentrato a lungo nell’attività, traendone grande giovamento!

 

 

Cesto per biancheria bianchi/colorati

 

Un strumento che permetterà ai bambini di aiutarvi anche nello svolgimento del bucato!

Grazie alla distinzione mediante colore tra capi bianchi e colorati il bambino sarà in grado di separare da sé i panni, offrendovi il suo personale contributo.

È interessante pensare di proporre l’attività come parte della routine serale: una volta spogliati e messi il pigiama si va insieme a mettere nel cesto i panni sporchi a seconda della tipologia!

 

 

In conclusione

 

Quelli qui proposti sono solo alcuni esempi di utensili da offrire ai vostri bambini per lo svolgimento di attività di vita pratica.

Vi raccomando, nella scelta degli utensili, di attenervi ad alcuni principi fondamentali. Scegliete materiali durevoli (magari un po’ più costosi ma che il bambino possa sfruttare nel tempo!), possibilmente di materiali naturali (legno, cotone…), proporzionati (“a misura di bambino”) ed esteticamente curati (devono “parlare” al bambino, richiamandolo all’attività).

Non mi resta che augurarvi un buon lavoro!

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo! 🙂 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *