Come realizzare un armadio a misura di bambino

 

 

Nel Metodo Montessori viene data molta importanza all’autonomia del bambino. Attraverso una attenta e pensata preparazione dell’ambiente, si offre anche ai più piccoli la possibilità di fare da soli, di prendersi cura dell’ambiente e della propria persona.

Faccio io!”: è una delle frasi preferite dei più piccini. Facendo da soli infatti essi affermano la propria persona e sviluppano le proprie competenze operative e cognitive. L’adulto consapevole deve essere in grado di accogliere questo bisogno di autonomia, agevolando lo svolgimento delle attività che il bambino può effettivamente compiere da sé con un piccolo aiuto.

Una di queste attività riguarda il vestiario. Bastano infatti pochi accorgimenti per creare un armadio a misura di bambino, in perfetto stile montessoriano. In questo modo il bambino può accedere autonomamente ai propri vestiti nelle routine quotidiane, prendendoli e riponendoli, inoltre può godere di una camera a misura di bambino, ordinata ed esteticamente attraente.

 

Come creare un armadio a misura di bambino

 

Creare un armadio a misura di bambino è molto più semplice di quanto si possa pensare e non richiede nemmeno grandi investimenti. Saranno sufficienti un po’ di voglia di mettersi in gioco e pochi strumenti.

Partiamo dalla struttura.

 

This merry Montessori

 

Se avete una vecchia credenza o cassettiera che non sapete come utilizzare, beh, questo è il momento di servirvene! In caso contrario potrete procurarvi una struttura nuova a prezzi molto accessibili, come queste:

 

Sulla base della modalità di organizzazione dei capi che sceglierete, potrete giocare con i ripiani, lasciandoli oppure eliminandoli. Il mio consiglio è di pensare ad uno spazio per appendere i vestiti e ad uno per organizzare pantaloni e biancheria varia.

 

Mommo Design

 

Per appendere i vestiti è sufficiente inserire nella struttura una barra estensibile, come queste:

 

 

In questo modo sarà facile per il bambino accedere ai propri vestiti prelevando o posizionando autonomamente le grucce sulla barra appendiabiti.

Per biancheria, pantaloni o magliette possiamo invece pensare a dei contenitori, come questi:

 

 

Ponendo sui contenitori delle foto o immagini del contenuto, faremo sì che il bambino sia in grado di trovare da solo il capo che cerca, senza che i vestiti restino esposti alla polvere. Potremo inoltre coinvolgerlo nell’attività di riordino dei vestiti piegati, che diverrà così un vero e proprio gioco!

 

The Kavanaugh Report

 

 

In conclusione

 

Creare uno spazio apposito per i vestiti che incentivi l’autonomia rende il bambino più coinvolto nelle procedure di vestizione/svestizione, spesso altrimenti difficili.

Il bambino desidera fare da sé e con questo tipo di organizzazione lo aiutiamo a fare proprio ciò, consentendogli di esprimere le proprie preferenze ed esercitare le proprie abilità.

Non mi resta che augurarvi buon lavoro!

 

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo!  🙂 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *